Innovazione

BlackBerry bye bye, il telefono più famoso degli anni ’90 va in pensione

04
Gennaio 2022
Di Gaia De Scalzi
Ascolta l'articolo con Amazon Polly

Da oggi il telefono più amato dai businessmen va in pensione. Lanciato sul mercato nel 2013, il BlackBerry è stato il primo vero smartphone. Considerato tra i più sicuri device al mondo, tanto da essere usato da diversi Presidenti degli Stati Uniti, questo cellulare con la tastiera incorporata e l’e-mail sempre connessa esce di scena. 

A partire dal 4 gennaio, infatti, i modelli più vecchi e privi del sistema operativo Android non saranno progressivamente più in grado di ricevere o effettuare chiamate o di inviare sms. Il declino di BlackBerry, che ha dato il nome anche all’azienda canadese (un tempo nota come Research In Motion), è iniziato quando, sin dai primi anni 2000, i vertici decisero di non adottare Android, portando colossi come Apple e Samsung a spartirsi oltre il 50% delle quote di mercato che la “mora” controllava.

L’azienda, che aveva annunciato il blocco già a settembre 2020, ha diramato una nota per ringraziare clienti e partner e per invitare “a saperne di più su come BlackBerry fornisce software e servizi di sicurezza alle imprese e ai governi di tutto il mondo”. Questo perché, dopo aver abbandonato la produzione di hardware per il comparto della telefonia mobile, la Società con sede a Waterloo in Ontario ha deciso di puntare esclusivamente sullo sviluppo dei software per aziende e professionisti, sotto il nome di BlackBerry Limited. Mentre il marchio smartphone è stato acquisito a fine 2020 dalla startup indiana OnwardMobility che potrebbe presto lanciare nuovi device a basso costo e con connessione 5G al momento rivolti al mercato interno.

Il nostro consiglio è comunque quello di conservare la vostra vecchia “mora” che – tra meno di 24 ore -potrebbe diventare un pezzo da collezione.

Articoli Correlati

di Beatrice Telesio | 28 Maggio 2022

La guerra parallela, quella del pane

mattarella tebboune
di Paolo Bozzacchi | 27 Maggio 2022

Mattarella-Tebboune: sintonia Italia- Algeria