Economia

Lettera aperta di 102 milionari che chiedono ai governi di pagare più tasse

20
Gennaio 2022
Di Paolo Bozzacchi
Ascolta l'articolo con Amazon Polly

Chiamatela crisi di coscienza. O la tanto attesa wealth sensitivity. Sta di fatto che il gruppo “Milionari Patriottici” composto da 102 super ricchi tra i quali i fratelli Tim e Abigail Disney (nella foto) e il finanziere Nick Hanauer che guadagnò un miliardo di dollari investendo in Amazon prima del 2000, ha scritto una nuova lettera aperta ai governi (non è la prima) chiedendo di pagare più tasse. Proprio nei giorni in cui a Davos il World Economic Forum sta discutendo di come uscire dall’era pandemia senza troppi danni sociali.

I facoltosi rappresentano 9 Paesi, tra i quali USA, UK, Germania e Canada. E motivano così la loro richiesta : “Mentre il mondo ha sofferto in questi due anni, molti di noi possono dire di aver visto aumentare la loro ricchezza durante la pandemia. Pochi di noi, forse nessuno, può invece dire onestamente di aver pagato il giusto di tasse”.

La lettera aperta dei Milionari Patriottici rialza la palla del dibattito globale sull’equità fiscale e sulla progressività delle aliquote, molto di attualità anche in Italia. In un passaggio molto significativo si legge: “Il sistema vigente ha creato una mancanza di fiducia tra la gente normale e le élite. Il mondo e ogni paese deve chiedere ai ricchi di pagare il giusto. Tassateci e tassateci ora”.

Di fatto l’iniziativa riporta alla ribalta come la pandemia da Covd19 abbia riallargato la forbice sociale tra molto ricchi e indigenti. Secondo un studio Oxfam reso noto in settimana dal titolo “La pandemia della disuguaglianza” dal 2020 la ricchezza delle 10 persone più facoltose al mondo è più che raddoppiata, passando da 700 a 1500 miliardi di dollari, aumentando di circa 15mila dollari al secondo.

Il sogno sarebbe una tassa globale in grado di prelevare il giusto da questi mega patrimoni e redistribuire in modo efficace a chi ne ha più bisogno. Fame e sete non sono state sconfitte, sul Covid19 stiamo ancora lavorando.

Articoli Correlati

di Alessandro Caruso | 03 Dicembre 2022

La fragilità della Pax

ittiti
di Giulia Borderi | 02 Dicembre 2022

A Roma rivive la musica degli antichi ittiti