Politica

Trasporti: alla Camera l’audizione della nuova Ministra, Paola De Micheli

23
Ottobre 2019
Di Redazione

 

Dopo quasi due mesi dalla formazione del Governo Conte bis, la Commissione Ambiente della Camera ha audito la nuova Ministra dei Trasporti, Paola De Micheli, in merito alle linee programmatiche del suo dicastero. La Ministra, che ha anzitutto chiarito che le sue azioni saranno in linea con uno degli obiettivi di fondo di questo Esecutivo e cioè la promozione della sostenibilità ambientale, economica e sociale, ha affrontato nel corso del suo intervento – durato poco meno di due ore – varie tematiche, molte delle quali relative al mondo dei trasporti ma non solo. Infatti, ha parlato anche di appalti, mezzogiorno, sicurezza infrastrutturale e sisma.

Partendo da questi ultimi temi, la De Micheli ha annunciato la redazione di un nuovo Regolamento di attuazione del codice appalti, regolamento che si baserà su principi come la garanzia di regole certe, semplificazione dei criteri di attuazione e riduzione dei tempi di realizzazione delle opere. Inoltre, è in programma l’avvio di un massiccio piano straordinario di interventi infrastrutturali per incentivare la crescita e il lavoro nel Mezzogiorno. Tra gli strumenti che verranno utilizzati, anche i contratti di sviluppo, l’istituzione delle ZES (sono economiche speciali) e i contratti di rete.

Per ciò che concerne invece la sicurezza infrastrutturale e, in particolare, Anas, la Ministra ha ricordato che nell’aggiornamento del Contratto di programma quadriennale 2016-2020 dello società che gestisce la rete stradale nazionale sono previsti investimenti pari a 30 miliardi da effettuare nei prossimi dieci anni, di cui una parte (circa la metà) è destinata alla manutenzione della rete viaria esistente. Anas sarà comunque soggetta a valutazioni sulla performance organizzativa e funzionale dei servizi, con particolare riferimento a quelli resi agli utenti.

Sul tema sisma, invece, la De Micheli ha rassicurato circa le intenzioni del suo Ministero di voler continuare a realizzare interventi necessari volti a garantire la viabilità nelle aree colpite dal terremoto, prevedendo tra le altre azioni, la messa in sicurezza delle aree vulnerabili, il contrasto al dissesto idrogeologico e la prevenzione delle calamità naturali. Per quel che riguarda i trasporti, la Ministra ha dichiarato di voler “promuovere lo sviluppo di una mobilità sostenibile in ambito urbano e metropolitano” e, per farlo, incentiverà l’interoperabilità e forme di mobilità a basso impatto ambientale, destinando oltre tre miliardi di euro per il completamento di linee metropolitane e la realizzazione di nuove linee tranviarie e filoviarie in tutti i Comuni. Inoltre sarà dedicata particolare attenzione anche al trasporto aereo – che, secondo la Ministra, deve essere “efficiente in un Paese moderno” in quanto “fondamentale per l’intera economia”- e a quello marittimo, per il quale si partirà dalla piena attuazione della riforma delle Autorità portuali.

Infine, a seguito della richiesta dell’On. Lucchini della Lega, la De Micheli ha parlato anche del tema “caldo” delle concessioni autostradali, affermando che "sarà il Consiglio dei ministri ad assumere una decisione sulla procedura di revoca della concessione autostradale di Atlantia” aggiungendo che il tema di come "il privato gestisce il bene pubblico è una cosa inevitabile, normale e soprattutto è una cosa sana".

 

Fabiana Nacci

Articoli Correlati

di Barbara Caracciolo | 29 Novembre 2022

Roma vuole Expo 2030. Tajani schiera anche il governo

di Paolo Bozzacchi | 29 Novembre 2022

Cosa bolle nella pentola Nato di Bucarest