Politica

Riforma del catasto? Pericolosa e scollegata con la realtà

21
Settembre 2021
Di Daniele Capezzone
Ascolta l'articolo con Amazon Polly

E’ mia antica convinzione che il “bipolarismo” vigente oggi in Italia non sia quello tra destra e sinistra, ma quello tra “collegati” e “scollegati” con la realtà.

Solo chi è drammaticamente scollegato dall’economia reale (oppure “collegato” con altro) può oggi proporre una revisione del catasto che rappresenterebbe inevitabilmente (diffidate delle formulette ingannevoli “mini” e “soft” premesse o aggiunte alla parola “riforma”) un’ulteriore mazzata.

Ripetiamolo ancora: la patrimoniale sul mattone già c’è, ed è devastante. Eppure non mancano alcuni “feticisti” della patrimoniale che vorrebbero colpire ancora più forte.

Gli immobili italiani sono già tassati, anzi stratassati: quando nel 2011 Mario Monti e il suo loden arrivarono a Palazzo Chigi, davanti alla missione di trovare subito denaro fresco, i tecnici commisero lo sproposito, avallato da un Parlamento che disse sì senza fiatare, di decidere una stangata fiscale senza precedenti, portando la tassazione immobiliare da 9 a 25 miliardi. Fu una botta terrificante: una sottrazione di liquidità che ha massacrato i consumi, una perdita di valore che ha deprezzato gli immobili, ha gettato acqua gelida sulle compravendite, o ha indotto a vere e proprie svendite. Morale: ovunque nel mondo il mercato immobiliare rifiorisce, tranne che da noi.

Da allora, di tutto quel mega-aggravio fiscale, sono stati tolti solo 4 miliardi (quelli dell’Imu prima casa: e, come si sa, neanche su tutte le prime abitazioni). Ma è rimasto tutto il resto: le seconde case sono aggredite da aliquote altissime. E uno scandalo silenzioso è quello degli immobili strumentali all’impresa, cioè negozi, botteghe artigiane, studi professionali e capannoni industriali, che ogni anno, solo di Imu-Tasi, subiscono una rapina di circa 7.7 miliardi. 

Davanti a questa situazione, ci si attenderebbe una discussione su come ridurre i 21 miliardi di tassazione rimasta. E invece è partito un fuoco di fila (nazionale e internazionale, tecnico e “neutrale”, per usare un aggettivo di moda in questo periodo) che invoca la patrimoniale. Come se la patrimoniale non ci fosse già, e pesantissima!

Oppure – versione solo apparentemente meno insidiosa – si parla della mitica riforma del catasto, naturalmente – si dice – per garantire “equità”. Tutti sanno che operazioni di quel genere hanno un unico effetto: aumentare il gettito, e cioè rendere la tassazione ancora più feroce.

Troppi (gli “scollegati”) dimenticano che 7 famiglie su 10 hanno investito nel mattone. E non si capisce – ciò che è ancora più grave – com’è fatta l’Italia. In una nazione che ha come specificità una proprietà così diffusa, proprio il regime di tassazione sugli immobili fa la differenza. Chi non lo comprende è un costruttore di povertà, un architetto del declino.

Photo Credits: “Work Files” by Zach K is licensed under CC BY-NC 2.0