Politica

Il discorso integrale di Mattarella alle Camere

03
Febbraio 2022
Di Massimo Gentile
Ascolta l'articolo con Amazon Polly

«È per me una nuova chiamata – inattesa – alla responsabilità; alla quale tuttavia non posso e non ho inteso sottrarmi». Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel suo discorso di giuramento al Parlamento, che vi proponiamo in esclusiva in versione integrale, proprio mentre si sta svolgendo la cerimonia ufficiale. «Ritorno dunque di fronte a questa assemblea, nel luogo più alto della rappresentanza democratica, dove la volontà popolare trova la sua massima espressione. Vi ringrazio per la fiducia che mi avete manifestato chiamandomi per la seconda volta a rappresentare l’unità della Repubblica. Adempirò al mio dovere secondo i principi e le norme della Costituzione, cui ho appena rinnovato il giuramento di fedeltà, e a cui ho cercato di attenermi in ogni momento nei sette anni trascorsi. La lettera e lo spirito della nostra Carta continueranno a essere il punto di riferimento della mia azione» ha aggiunto.

“La stabilità di cui si avverte l’esigenza – ha continuato nel suo discorso – è, quindi, fatta di dinamismo, di lavoro, di sforzo comune. I tempi duri che siamo stati costretti a vivere ci hanno lasciato una lezione: dobbiamo dotarci di strumenti nuovi per prevenire futuri possibili pericoli globali, per gestirne le conseguenze, per mettere in sicurezza i nostri concittadini. L’impresa alla quale si sta ponendo mano richiede il concorso di ciascuno. Forze politiche e sociali, istituzioni locali e centrali, imprese e sindacati, amministrazione pubblica e libere professioni, giovani e anziani, città e zone interne. Vi siamo tutti chiamati”. Il resto dei passaggi nel discorso integrale che vi proponiamo in esclusiva.

 

Articoli Correlati

democrazia
di Flavia Iannilli | 30 Settembre 2022

Democrazia, se Kiev è la nuova Salamina

energia
di Luca Grieco | 30 Settembre 2022

Energia. Ecco il punto