Politica

Forget Covid19, arrivano le Elezioni…

28
Maggio 2020
Di Redazione

 

Il dossier è sul tavolo del Premier Giuseppe Conte, è già partita una lettera al Presidente della Repubblica Sergio Mattarellla. Non è neanche riuscito a decollare lo Space X di Elon Musk (non c'entra, ma rende l'idea).

Ma che succede? C'è la data delle elezioni regionali e di un referendum confermativo sul taglio dei Parlamentari da fissare. E la ripresa dei contagi? La seconda ondata? La riapertura delle scuole? Scusa, non ti sento: sto scrivendo al Presidente della Repubblica per votare il prima possibile. Ecco, anche prima della seconda ondata, lo dico a quelli del mio partito.

Veneto, Liguria, Campania, Puglia e Marche corrono alla massima velocità verso le urne. Si sa: nei momenti di paura gli elettori tendono ad essere più conservatori che a decidere di cambiare. E dunque bisogna correre all'incasso e uscire quanto prima dal negozio col Governo locale in mano. Cambiare non è mai rassicurante.

Dunque Luca Zaia, Giovanni Toti, Vincenzo De Luca, Michele Emiliano e Luca Ceriscioli (da notare che nessuno rappresenta il Movimento 5 Stelle) decidono di schiacciare il piede sull'acceleratore. Di esagerare. In un momento così delicato per la storia della Repubblica e con una crisi economica e sociale che bussa alla porta scrivono al Presidente della Repubblica per ottenere, in caso di ascolto, urne aperte in piena estate, dopo il 20 luglio e prima del 20 settembre, cioé la data proposta dal Ministro Luciana Lamorgese. 

Già, il Ministro degli Interni Lamorgese col quale i Governatori hanno alzato i toni e discusso in modo acceso, senza raggiungere ieri sera un accordo su un eventuale Election Day che accorpi le tornate regionali col referendum previsto. La Lamorgese è un tecnico, non un politico. Fortemente voluta dal Presidente Mattarella a ricoprire il proprio incarico di Governo, dopo essere stata Prefettto di Venezia e dal 2017 di Milano. Scrivere a Mattarella dopo aver discusso con la Lamorgese rischia seriamente di rimanere un mero esercizio di stile.

E oggi arriva in Aula il decreto per il rinvio delle votazioni in autunno. Alzi la mano chi già non sente rimbombare la parola "bagarre".

  

Paolo Bozzacchi

Articoli Correlati

di Gianfranco Ferroni | 19 Agosto 2022

Cinema e politica, la necessità di una quarta via

Donbass
di Jacopo Bernardini | 18 Agosto 2022

Donbass, l’area strategica della guerra di Putin