Politica

Elezioni Spagna: ideologia al potere

24
Aprile 2019
Di Redazione

Elezioni nazionali anticipate thrilling in Spagna. A pochi giorni dalle urne (28 Aprile) i sondaggi di El Diario, El País ed El Mundo danno per vincitore il Partito Socialista (PSOE), seguito dal Partito Popolare (PP), Ciudadanos, Podemos (UP) e dai franchisti di Vox. Ma in base ai sondaggi né destra né sinistra sembrano poter contare su una maggioranza assoluta degna di tale nome. Né i tre partiti del blocco di destra (PP, Ciudadanos e Vox), né le due forze progressiste di sinistra (PSOE e UP).

Domina dunque l'incertezza, che potrebbe riservare delle sorprese al termine degli scrutini, e fa tornare prepotentemente in campo l'ago della bilancia "astensionismo".

Quelle di Spagna sono le principali elezioni nell'Unione europea che precedono di un mese le europee del 23-26 maggio. In un Paese come la Spagna che dal 2016 ha dato fiducia prima a un governo di centrodestra (Rajoy) e poi ad uno di centrosinistra (Sánchez), durante un periodo in cui la spinta autonomista della Catalunya si è fatta molto sentire.

Il governo Sánchez si è formato grazie all'appoggio dei Catalani, e poi sfaldato di fronte a una legge di bilancio molto impegnativa e invisa agli indipendentisti stessi.

Nota a margine: anche l'indipendentismo catalano ha due facce: quella di centrodestra (Junts per Catalunya) e quella di sinistra (Esquerra Repubblicana). A riprova di come l'ideologia in Spagna abbia ancora un senso anche in presenza di forti valori condivisi e si mostri non solo viva e vegeta, ma in buona salute.

Un governo potenzialmente duraturo sarà possibile solo se si stringeranno alleanze sulla carta già scomode. Mentre la Spagna (come l'Italia) ha tremendo bisogno di stabilità.    

 

Paolo Bozzacchi

 

 

 

 

Articoli Correlati

di Gianfranco Ferroni | 19 Agosto 2022

Cinema e politica, la necessità di una quarta via

Donbass
di Jacopo Bernardini | 18 Agosto 2022

Donbass, l’area strategica della guerra di Putin