Politica

Crisi: cosa può fare il Governo sbrigando gli affari correnti

26
Gennaio 2021
Di Redazione

di Paolo Bozzacchi

 

Indicazioni chiare e dirette da Giuseppe Conte contenute in una direttiva ad hoc. Inviata a tutti i membri del Governo che devono districarsi tra ciò che possono o non possono portare avanti dopo le dimissioni del Premier. Anzitutto Conte sui confini degli affari correnti sgombra il campo: "Si possono adottare atti urgenti (legislativi, regolamentari e amministrativi) per fronteggiare l'emergenza epidemiologica Covid-19. Va assicurata l'azione amministrativa". 

Consigli dei Ministri

Saranno convocati per approvare gli atti urgenti, compreso l'esame delle leggi provinciali e regionali e le delibere di procedimenti amministrativi con termini perentori (come nel caso della golden power).

Attività Normativa

Potranno essere adottati decreti legge solo nel caso in cui (art. 77 della Costituzione) ricorrano casi "straordinari d necessità e urgenza".

Nomine

Saranno possibili solo le nomine strettamente necessarie perché regolate da una precisa tempistica.

Missioni Internazionali

Le missioni all'estero dei componenti del Governo saranno possibili solo previa autorizzazione preventiva della Presidenza del Consiglio.

Il Vademecum per i prossimi giorni di passione è servito. Nella speranza di contarne il meno possibile.

 

Articoli Correlati

di Barbara Caracciolo | 29 Novembre 2022

Roma vuole Expo 2030. Tajani schiera anche il governo

di Paolo Bozzacchi | 29 Novembre 2022

Cosa bolle nella pentola Nato di Bucarest