di Paolo Bozzacchi

Forte preoccupazione per la stretta attualità internazionale. Mentre si costruisce la NATO che verrà. Questo in sintesi il polso del messaggio del Segretario Generale della NATO, Jens Stoltenberg, che da Bruxelles (in vista della riunione del 14 giugno quando si inizierà a discutere di chi lo sostituirà) ha lanciato gli 8 punti dell’Agenda NATO 2030. Tra questi spiccano il rafforzamento politico della NATO, grazie al rilancio dell’impegno sulla difesa collettiva, e in parallelo la lotta al cambiamento climatico, oltre alla nuova strategia dell’Alleanza.

Ospite di un evento organizzato dal Consiglio tedesco per le relazioni estere (Dgap) in collaborazione con il Brookings Institute, Stoltenberg ha fatto il punto sulla stretta attualità internazionale con preoccupazione e riaffermato il ruolo Atlantico: “Tra dieci giorni, i leader della Nato si incontreranno qui a Bruxelles, in un momento cruciale per la nostra Alleanza. Ci stiamo ritirando in Afghanistan e stiamo intensificando la nostra risposta alla crescente concorrenza globale. Russia e Cina stanno guidando una reazione autoritaria contro l'ordine internazionale basato sulle regole. La Russia continua il suo modello di comportamento pericoloso, con il suo massiccio accumulo militare dall'Artico all'Africa e intimidisce i suoi vicini, sopprime l'opposizione pacifica in casa ed effettua attacchi informatici e ibridi in tutti i paesi della Nato, quindi il nostro ambiente di sicurezza è più complesso e nessuno dei nostri Paesi può affrontare queste sfide da solo". Per questo c’è l'unione di Europa e Nord America nella Nato. 

Stoltenberg ha delineato le aree chiave dell'Agenda della Nato 2030. "Primo, rafforzeremo la Nato come forum unico e indispensabile per le consultazioni transatlantiche" questo perché "la Nato non e' solo un'alleanza militare", ma "un'alleanza politico-militare" e "anche quando non possiamo intraprendere un'azione militare, la nostra unità politica conta". 

In secondo luogo "rafforzeremo il nostro impegno per la nostra difesa collettiva, contro tutte le minacce. Dal 2014, abbiamo attuato il più grande rafforzamento della nostra difesa collettiva in una generazione" e quindi "attueremo rapidamente e pienamente i nostri piani per rafforzare la nostra posizione militare. Continuando ad aumentare la prontezza delle nostre forze, modernizzando le nostre capacità e investendo di più nella nostra difesa collettiva". Terzo obiettivo "e' sviluppare obiettivi di resilienza a livello dell'Alleanza e lavorare con gli Alleati per tradurli in obiettivi nazionali concreti. Per proteggere la nostra infrastruttura critica. Rendere le nostre societa' meno vulnerabili agli attacchi e alla coercizione. E garantire che i nostri eserciti possano operare in pace, crisi e conflitti", ha spiegato. Quarto, "dobbiamo promuovere l'innovazione transatlantica: per affinare il nostro vantaggio tecnologico e prevenire i divari di innovazione tra gli alleati, per assicurarci di poter continuare a lavorare insieme". "Creeremo un acceleratore di difesa transatlantico - ha aggiunto - un nuovo centro per favorire una maggiore cooperazione tra alleati sulla tecnologia e una più stretta collaborazione con i nostri ricercatori, industrie e start-up di livello mondiale. Sostenuto con finanziamenti extra da quelle nazioni che decidono di partecipare".

Quinto obiettivo "fare la nostra parte nel sostenere l'ordine internazionale basato sulle regole. Parlando con una sola voce per difendere i nostri valori e interessi. E incoraggiando gli altri a rispettare le regole". Per questo, ha affermato Stoltenberg "rafforzeremo le nostre partnership esistenti, ad esempio con l'Unione europea. E stringeremo nuovi impegni, con Paesi simili in tutto il mondo, anche in Africa, Asia e America Latina". Sesto obiettivo e' quello "di intensificare la nostra formazione e il sostegno allo sviluppo delle capacità per i partner. Dall'Iraq alla Giordania, dalla Georgia all'Ucraina. In aree come l'antiterrorismo, la lotta agli attacchi informatici, la gestione delle crisi e la riforma della difesa". Stoltenberg ha ricordato che "la Nato ha una lunga esperienza e dobbiamo basarci su di essa perché la formazione e lo sviluppo delle capacità dei nostri partner e' il modo migliore per garantire stabilita' nel nostro quartiere". Settimo obiettivo, il cambiamento climatico. "Il riscaldamento globale e' un moltiplicatore di crisi. Quindi la Nato deve affrontare le conseguenze sulla sicurezza del cambiamento climatico. La mia ambizione e' di avere un chiaro impegno politico al Vertice. Per ridurre significativamente le emissioni militari, contribuendo allo zero netto" delle emissioni. "Condurremo inoltre una valutazione a livello di Alleanza delle nostre risorse e installazioni, integrando il cambiamento climatico nella nostra pianificazione ed esercitazione, collaborando con l'industria per fornire capacità climaticamente neutre e dando priorità alla tecnologia sostenibile nei nostri acquisti". Ottavo obiettivo, "concorderemo di sviluppare il prossimo concetto strategico della Nato. Per riconfermarci nei nostri valori e nel nostro scopo duraturo. E adattandoci al mutevole ambiente di sicurezza", ha detto. 

"E infine, per fare tutto questo dobbiamo investire di più. Siamo sulla strada giusta, con sette anni di aumenti consecutivi della spesa per la difesa da parte di Europa e Canada. Dobbiamo mantenere questo slancio. Ma non dobbiamo solo investire di più. Dovremmo anche investire meglio. Ecco perché dovremmo aumentare il budget a fondi comuni della Nato. Per aiutare a finanziare più formazione ed esercitazioni congiunte, difese informatiche più forti, capacità all'avanguardia e più capacità di sviluppo per i nostri partner. Perché investire insieme attraverso la Nato e' un moltiplicatore di forze", ha concluso il segretario generale della Nato. capacità climaticamente neutre e dando priorità alla tecnologia sostenibile nei nostri acquisti". Ottavo obiettivo, "concorderemo di sviluppare il prossimo concetto strategico della Nato. Per riconfermarci nei nostri valori e nel nostro scopo duraturo. E adattandoci al mutevole ambiente di sicurezza", ha detto. 

 
Photo Credits: TRT Haber