Cultura

Natale solidale, ecco come fare a Milano

11
Dicembre 2019
Di Redazione

 

Natale in famiglia, Natale di solidarietà, Natale che mette al centro anche i bisogni degli altri. Con questa spinta Energie Sociali Jesurum, in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Sociali e abitative del Comune di Milano, invita i milanesi a donare un “compleanno sospeso” con il desiderio che diventi una nuova tradizione meneghina.

Il punto di partenza è l’idea che per un bambino la festa con la torta, le candeline, gli amici e i regali sono un momento speciale e felice a cui nessuno dovrebbe rinunciare, anche quelle famiglie che fanno fatica ad arrivare a fine mese e tra le spese tagliate mettono proprio la festa di compleanno dei propri figli. E allora, perché non regalarla a tutti quei bambini che non se la possono permettere? Cosi è nato Diritto al Compleanno, un progetto a costo zero per l’Amministrazione, cresciuto a tal punto che – dopo cinque anni – sono tantissime le famiglie e i cittadini e le cittadine milanesi che hanno regalato con gioia questo dono speciale.

Nel 2019, grazie a Diritto al Compleanno, infatti, sono stati oltre 200 i compleanni regalati alle famiglie più bisognose di Milano. Compleanni offerti grazie alla collaborazione di Fondazione Cariplo e di Coop Lombardia e alla partecipazione di anonimi benefattori e famiglie che volevano condividere festa, gioia e regali con quella del proprio figlio. Un regalo nel regalo, che fa bene a chi lo dona e a chi lo riceve e che, anche se piccolissimo, insegna a condividere quel che si ha con chi ha più bisogno. Energie Sociali Jesurum pensa e provvede a tutto, dalla sala alle candeline, dal dolce alla musica, dagli animatori al regalo per i festeggiati.

 E a Natale la carica simbolica di questo piccolo-grande gesto si arricchisce di ulteriori valori.

«Ci siamo resi conto che molte famiglie, sempre più, non possono organizzare i compleanni. Ci abbiamo ragionato con l’Assessorato alle Politiche Sociali e abitative e abbiamo pensato che per un bambino il compleanno è uno dei momenti fondamentali di gioia. Per questo abbiamo voluto regalare a tutti i bambini che lo hanno chiesto e lo chiederanno la felicità di sentirsi speciale nel giorno in cui diventano più grandi. Il concetto di dignità dei genitori e di dignità delle persone è il volano che ci ha mossi, un diritto primario e fondamentale a cui nessuno deve rinunciare» spiega Michela Jesurum,  fondatrice di Energie Sociali Jesurum.

 «Le politiche sociali», dichiara l’assessore alle Politiche sociali e abitative Gabriele Rabaiotti, «non possono e non devono fermarsi al soddisfacimento dei bisogni essenziali dei cittadini in difficoltà, ma anche occuparsi di portare socialità nei quartieri e garantire il diritto di tutti ad avere una vita dignitosa. L’iniziativa nata grazie alla collaborazione con Energie Sociali Jesurum parte proprio dal presupposto che il compleanno è un appuntamento che tutti dovrebbero poter festeggiare. Per questo motivo siamo orgogliosi di aver regalato un momento di gioia a chi altrimenti non avrebbe potuto permetterselo e sempre più convinti di dover lavorare per estendere il Diritto al compleanno nelle case popolari di tutti i Municipi».

Le segnalazioni delle famiglie arrivano dalla rete delle associazioni e organizzazioni del Comune di Milano e tante anche direttamente. In questi anni sono stati organizzati compleanni, con una media di un compleanno ogni fine settimana, alla Casa dei Diritti del Comune di Milano, all’Associazione C.I.A.O (casa di accoglienza per detenute in misura alternativa e per i loro bambini), alla cooperativa sociale Lo Scrigno e, nelle precedenti edizioni, presso Casa Atelier. I primi quattro anni hanno mostrato la necessità di una maggiore capillarità nel territorio per festeggiare in prossimità delle scuole e dei luoghi che i bambini abitano ogni giorno, di un intervento in contesti sensibili e di intensificare la relazione bambini-anziani per mettere in rete bisogni e risposte, saperi e stimoli. 

A sostenere Diritto al Compleanno sono anche fondazioni e aziende, prima fra tutte Fondazione Cariplo e Coop Lombardia che hanno deciso di dare ossigeno a questo progetto. Il 2019 è stato caratterizzato anche dal coinvolgimento nelle feste di Diritto al Compleanno di persone anziane nelle Case Popolari del Municipio 8, dove anziani e bambini spengono le candeline insieme, una rete nella rete che ha portato un contagio virtuoso e creato nuovi rapporti umani dove c’era più bisogno. Un bene, dunque, comune e un regalo alla comunità, che queste feste con la donazione di un “compleanno sospeso” potrà anche essere messo sotto l’albero come regalo di Natale.

Le parole di una mamma che ha festeggiato il compleanno della figlia alla Casa dei Diritti del Comune di Milano meglio di ogni altra spiegano cosa porta in dono Diritto al Compleanno: «Mi sono rivolta a Energie Sociali Jesurum per la festa a mia figlia. L’esperienza è stata bellissima: la festa è stata organizzata con competenza, gioia e disponibilità, i bambini si sono divertiti moltissimo. E anch’io. Non ho dovuto pensare a niente perché l’organizzazione ha fatto tutto per noi: cibo, torta e animazione. L’emozione più bella però è stata dare il nostro aiuto concreto alla felicità di un altro piccolo» rivela. «È stato bello vedere i bambini giocare e ridere e sapere che si è contribuito al risultato. Il bello di quest’iniziativa, ancor più a Natale, è che elimina la sensazione di “spreco” e raddoppia i sorrisi quando si è riuniti in famiglia in un giorno speciale che dovrebbe ricordarci di essere tutti più solidali e attenti ai bisogni degli altri».

Gli obiettivi per il 2020 sono di raggiungere con Diritto al Compleanno le Case Popolari di tutti i Municipi di Milano ed estendere l’iniziativa ad altri Comuni di Italia.  Per contribuire a questa rete del bene si può festeggiare il compleanno del proprio figlio alla Casa dei Diritti con una festa a pagamento e donare un “compleanno sospeso”.

 

Rossella D'Alessandro

Articoli Correlati

adolescenza
di Flavia Iannilli | 19 Giugno 2024

Cloudescenza

liste attesa
di Giampiero Cinelli | 19 Giugno 2024

Liste d’attesa, come ridurle attraverso la telemedicina