Cultura

La street art si proietta nel metaverso, nasce la Digital street art

12
Febbraio 2022
Di Redazione

È curioso che la prima esperienza di Digital Street Art abbia avuto luogo proprio a Venezia, città senza strade, porta d’Europa sui mondi orientali, crocevia di uomini e merci.

Il collettivo di arte digitale Pepper’s Ghost, già conosciuto per il suo recente progetto alla Fabbrica del vapore di Milano, torna sfidando lo street artist più celebre al mondo, Banksy, provando a creare una nuova corrente artistica.

Ghost over Banksy, questo il nome del nuovo progetto, è il primo concept di Digital Street Art mai realizzato finora e sarà presentato al pubblico a partire dal prossimo 9 marzo ore 18:00 in video sui canali social del collettivo (Instagram, Facebook, Tik Tok, Youtube e Vimeo) in partnership con una delle più importanti pagine d’arte al mondo THE PINK LEMONADE https://www.instagram.com/the.pinklemonade/.

È stato realizzato a Venezia, dando vita all’iconico stencil di Migrant Child, illuminando e animando letteralmente l’opera, accendendo la forte problematica dei diritti umani e interrogando sulla reale esistenza e finalità del celebre artista inglese. L’animazione dell’opera Migrant Child di Banksy è stata resa possibile grazie a un potente proiettore laser PH3501QL laser a 35.000 ANSI lumen messo a disposizione da Sharp NEC, che promuove l’unione di arte e tecnologia.

www.www.peppersghost.it
Banksy, Migrant child, Venezia

Rispettando le regole della street art è stata un’azione notturna, silenziosa, furtiva, non annunciata. Nella street art l’artista arriva, agisce, sparisce. E lascia il suo segno.

Il progetto di digital street art, invece, è stata un’operazione artistica immersiva che fa rivivere la scena impressa su quella parete veneziana come se fosse un’azione tra magia, colore, realtà e luce.

Si tratta di una nuova evoluzione artistica, che interagisce con linguaggi preesistenti o memorie. Qualunque opera di street art, qualunque manufatto, qualunque luogo ed evento può quindi essere reso immersivo, ovunque. Animato e non contaminato. Perché, più di tutto, la digital street art non è distruttiva: non intacca i luoghi ma tocca la percezione delle persone e il loro immaginario.  

Ghost over Banksy darà vita al primo NFT (non-fungible token) di Digital Street Art collezionabile, autenticata e pubblicata su blockchain, grazie alla partnership con la galleria Reasoned Art www.reasonedart.com che ha portato l’Arco della Pace di Milano ad essere il primo monumento al mondo nel Metaverso. E parte dei proventi saranno devoluti a Emergency.

Pepper’s Ghost è una creative-tech firm, con al suo interno un collettivo di digital artist, graphics engineer e project manager guidati da Anderson Tegon, fondatore e Art Director che persegue lo scopo di mettere al centro la creatività utilizzando le più innovative tecnologie esistenti per realizzare mostre immersiveperfomance di digital art con la volontà di creare esperienze totalizzanti senza alcun limite di luogo, spazio o dimensione.

www.www.peppersghost.it

Articoli Correlati

candidature Ue
di Gianni Pittella | 19 Giugno 2024

Nomine Ue, il Risiko dei partiti

Autonomia differenziata
di Ilaria Donatio | 19 Giugno 2024

Autonomia, ok della Camera al ddl con 172 sì: è legge