Ambiente

Innovazione sostenibile: gruppo industriale Maccaferri e Radici Group presentano il progetto LIFE-Inno. Pro. Wire

30
Maggio 2017
Di Redazione

E’ stato presentato ieri, presso la Sala Auditorium del Politecnico di Milano, il progetto LIFE-Inno.Pro.Wire, nato dalla partnership tra il Gruppo Industriale Maccaferri (con Officine Maccaferri SpA e SAMP SpA) e RadiciGroup (con Radici Novacips SpA) e finanziato nell’ambito del programma LIFE+ – strumento finanziario europeo dedicato all’ambiente.

Il progetto, sviluppato nel corso di tre anni, ha consentito l’elaborazione di un  processo innovativo e a minore impatto ambientale, per la produzione ecosostenibile di fili di acciaio estrusi – utilizzati per la realizzazione di strutture protettive e di contenimento in rete metallica – grazie all’utilizzo di tecnopolimeri a matrice poliammidica (PA6 a marchio RADILON®) in alternativa al PVC.

In linea con gli obiettivi dell’Unione Europea che – con una quota media di 6 mio di tonnellate annue –  è una delle
più importanti aree industriali di produzione di fili metallici, LIFE-Inno.Pro.Wire consente altresì la riduzione dell’impiego di materia prima – derivante anche dal riciclo di scarti industriali  – tramite la riduzione degli spessori dei rivestimenti polimerici, garantendo tuttavia le medesime prestazioni tecniche.

“Attraverso l'ottimizzazione del ciclo produttivo e lo sviluppo di soluzioni alternative, grazie all’impiego di materiali eco-sostenibili per il settore dell'edilizia e della geotecnica, abbiamo sviluppato una metodologia replicabile che consentirà di immettere nel mercato,
in un prossimo futuro, fili d’acciaio ottenuti da una produzione a basso impatto ambientale, centrando in pieno l’obiettivo dell’UE di trasformare la sua importante area produttiva in un’economia a basse emissioni di carbonio, efficiente nell’impiego delle risorse, verde e competitiva” – ha commentato Francesco Ferraiolo, General Manager del Maccaferri Innovation Center S.r.l. di Officine Maccaferri Group.

Articoli Correlati

di Barbara Caracciolo | 29 Novembre 2022

Roma vuole Expo 2030. Tajani schiera anche il governo

di Paolo Bozzacchi | 29 Novembre 2022

Cosa bolle nella pentola Nato di Bucarest