Economia

Fisco, due mesi per autodenuncie su imprecisioni redditi 2013

29
Ottobre 2017
Di Redazione

Ancora due mesi di tempo per sanare le eventuali anomalie delle dichiarazioni dei redditi 2014. I 300 mila contribuenti che hanno ricevuto in questi mesi una lettera dell'Agenzia delle Entrate, in cui l'amministrazione fiscale evidenziava difformità o irregolarità relative ai redditi conseguiti nel periodo d'imposta 2013, hanno ancora tempo fino al 31 dicembre 2017 per correggere gli errori o fornire chiarimenti, evitando così un accertamento vero e proprio.



Chi, tra maggio e settembre, ha ricevuto, via Pec o tramite normale posta ordinaria, una di queste comunicazioni e valuta che la richiesta del Fisco sulla presenza di redditi non dichiarati sia fondata, può sfruttare i benefici dell'adempimento spontaneo e rimediare all'errore o alla dimenticanza inviando agli uffici dell'Agenzia delle Entrate una dichiarazione che integri quella originaria, ottenendo una notevole riduzione delle sanzioni. 



Se invece i contribuenti destinatari delle lettere ritengono che l'errore sia del Fisco, è possibile inviare i documenti giustificativi direttamente agli uffici o tramite il canale Civis, documenti che, dopo essere stati opportunamente valutati, consentiranno di chiudere la posizione del contribuente, evitando così la successiva fase dell'accertamento, che comporterebbe l'applicazione di interessi e sanzioni più elevate.

Articoli Correlati

di Barbara Caracciolo | 29 Novembre 2022

Roma vuole Expo 2030. Tajani schiera anche il governo

di Paolo Bozzacchi | 29 Novembre 2022

Cosa bolle nella pentola Nato di Bucarest