Non ci voleva proprio questa seconda ondata di contagi. Anche per il primo partito dell'arco parlamentare italiano, il Movimento 5 Stelle, che per la prima volta nei suoi 11 anni di vita (data di nascita ottobre 2009, Milano) ha messo in agenda per questo fine settimana i suoi primi Stati Generali.

Non ci voleva perché di fronte alla curva dei contagi stoneranno non poco le discussioni interne sul terzo mandato dei parlamentari pentastellati, sui mancati rimborsi degli stipendi, sul discusso contributo alla piattaforma "orizzontale" made by Casaleggio.

Chissà se si parlerà poi del reale problema a due facce, cioé lo scollamento verticale del Movimento di governo da quello dei meet-up e dei territori e le divisioni orizzontali tra chi vuole alimentare l'alleanza col Pd e i duri e puri del sempre e solo avanti da soli. I famosi 10 punti del manifesto che includevano tra le altri le posizioni "NoTav", "NoTap" e acqua pubblica sono storia antica. O no? 

Gli Stati Generali saranno comunque di alto livello istituzionale, con la partecipazione confermata del Premier Giuseppe Conte,  l'apertura dei lavori del Capo politico, Vito Crimi, seguita dall'intervento del Capo delegazione il ministro Alfonso Bonafede. Tra i 30 speaker più votati dagli iscritti della piattaforma Rousseau (circa 190mila) ci sono solo 7 attivisti. E su di loro si muove la curiosità mediatica. Non mancheranno Luigi Di Maio, Alessandro Di BattistaRoberto Fico: i custodi delle tre inconfessabili anime di un Movimento che ripudia la parola corrente ma è agitato da una scossa elettrica sopita che va avanti da troppo tempo.

Il governo del Paese per il Movimento 5 Stelle sembra garantito fino almeno all'elezione del Presidente della Repubblica (2022) grazie a favorevoli concause esogene di natura diversa, la prima delle quali è l'attuale debolezza delle opposizioni.

Gli Stati Generali, però, oggi più che un esame di maturità sembrano il primo esame all'Università. Per pensare alla Laurea c'è ancora tempo. 

Hold up!

 

 

Paolo Bozzacchi

 

 

 

 

photo credits: SiciliaNews24